Grida e silenzio

Discendo, per parte di padre, da montanari cresciuti alle pendici del Moncenisio, dove se alzi gli occhi sembra che le montagne debbano caderti addosso. Fisicamente somiglio a loro, nel viso e nel corpo.

Sono cresciuta in un luogo dove per stare soli, per trovare il silenzio, bastava fare pochi passi fuori di casa, imboccare un qualsiasi sentiero o una stradina secondaria, e le altre persone sembravano lontane nello spazio e nel tempo.

In montagna si grida per chiamarsi, perché da qui a lì riusciamo a vederci ma magari c’è da scendere e da risalire e allora ci si mette tanto. Si grida perché c’è spazio, e non c’è nessuno a cui dar fastidio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: