Vecchi amici

Ci pensavo ieri, dopo aver dato una scorsa alle fotografie che le persone che conosco postano su Facebook.

Fotografie di grandi compagnie, di piccoli gruppi, di coppie di amici che si conoscono e si frequentano da anni.

Fra le persone che frequento attualmente, quelle che conosco da più tempo le ho incontrate poco più di tre anni fa. Hanno conosciuto solo la mamma della piccola sapiente, non hanno idea di che persona io fossi prima, se non dai miei racconti – ma questo è un filtro potente.

Non che io non senta più le persone che conosco da più lungo tempo, con alcune sono in contatto quasi quotidiano, ma si sa che telefono, email e messaggi non sono la stessa cosa.

Vorrei quella complicità che vedo in chi è rimasto dove è cresciuto, o almeno non ha fatto traslochi a centinaia di chilometri di distanza ogni volta.

Vorrei al mio fianco qualcuno che mi abbia conosciuta bambina.

Annunci

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. brum
    Set 26, 2014 @ 07:57:52

    E’ quello che succede quando si lascia il posto dove si è cresciuti. Non credo che tu ci possa far niente….

    Rispondi

  2. brum
    Set 26, 2014 @ 08:19:27

    Guarda bene nella mail…

    Rispondi

  3. brum
    Set 26, 2014 @ 08:25:31

    o su FB

    Rispondi

  4. pinkflamingo12
    Set 26, 2014 @ 16:40:22

    Io per scelta ho deciso di sdradicarmi completamente, di ricostruire qualcosa lontana dall’origine, di rivivere emozioni diverse con persone diverse e, devo essere onesta, non si sta poi così male, è solo più faticoso. Le “persone di sempre” le ho lasciate nell’angolo della vecchia me, quella di prima, quella con cui ho smesso di fare a pugni, quella che non riconosco più e che non mi piace neanche troppo. Brand new start…

    Rispondi

    • elipiccottero
      Set 29, 2014 @ 07:45:51

      Una nuova partenza – quella che fu per me legata all’università – va benissimo. Ma poi ne è venuta un’altra. Poi un’altra ancora. E ancora una…
      All’ultima visita l’oculista mi ha detto di non presentarmi più dopo 8 anni, ma dopo un paio. Il problema è che negli ultimi 8 anni ho cambiato residenza 6 volte, con traslochi, sradicamenti, saluti, eccetera. E’ troppo, davvero troppo, nemmeno il tempo di abituarmi e già mi trovavo a ripartire daccapo, lasciando persone e luoghi, imparando daccapo di chi fidarmi e chi no, dove fosse il panettiere e quale kebabbaro fosse il migliore, e così via.
      Ormai posso vantare numerosissime conoscenze superficiali, ma poche, pochissime persone sanno come io sia evoluta, migliorata, cresciuta.

      Rispondi

  5. fracatz
    Set 26, 2014 @ 16:47:09

    pensa poi al cuore di una mamma che vede andar via una figlia, magari unica, tanto amata, però lo stesso è contenta perchè sà che la figlia lo ha fatto per vivere meglio la propria vita.
    Ognuno al mondo è solo,
    non ci sono più le famiglie di una volta con 6 o 7 figli di cui almeno una femmina restava accanto ai genitori e si accompagnavano nel loro cammino

    Rispondi

    • elipiccottero
      Set 29, 2014 @ 07:49:38

      Non è vero, conosco molte persone che vivono a due passi dai genitori. Perché mamma e papà avevano un appartamento vuoto, perché è più comodo, perché non valeva la pena di andarsene. Credo che restare tutta la vita in uno stesso luogo non faccia bene, un paio d’anni fuori (ma fuori davvero, cavandosela da soli e non tornando quasi mai) dovrebbero farseli tutti.
      In realtà quelli che conosco che se ne sono andati l’hanno fatto o per curiosità personale, o per mancanza di possibilità, o perché spinti dai genitori. Gli altri son rimasti.

      Rispondi

  6. Papillon1961
    Set 27, 2014 @ 02:37:50

    Non so quanto c’entri con ciò che dici… Io la complicità con gli amici l’ho un pò persa. Le rispettive vite coniugali e lavorative allontanano e raffreddano. Purtroppo. Io cmq mi sforzo di non perderli e ogni tanto capita di ritrovare quella magia… Due anni fa con un amico di quelli abbiamo fatto una settimana in bici lungo il danubio. Bellissimo.

    Rispondi

    • elipiccottero
      Set 29, 2014 @ 07:51:17

      Di base, io sono già una che fatica a mantenere i contatti. In genere poi è difficile per tutti, questo lo so… certo che se ci si mettono in mezzo 450 km in una direzione, poi 500 in un’altra, e infine altri 250 in un’altra ancora, diventa velleitario pensare di tenere i contatti.

      Rispondi

  7. Perennemente Sloggata
    Ott 05, 2014 @ 19:34:19

    Come lo sento mio, questo post. E anche se sono qui da tanto tempo, sono cambiate le persone attorno a me. Di costanti sono rimaste un paio.

    Rispondi

  8. Silver Silvan
    Ott 08, 2014 @ 05:40:35

    Bah, sembra di stare al supermercato della convenienza. Di relazione.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: