Strade scivolose

Ci sono state tante strade, nella mia vita.
Strade lavate dalla pioggia, negli ultimi giorni.

Le strade buie e semivuote e piene di pozzanghere di venerdì sera.
Non dovendo guidare, potevo concentrarmi su me stessa, sulla mia curiosità e su una strana, nuova emozione. La pioggia, allora, sembrava lavare via dolori che, semplicemente, il tempo sta facendo scolorire.

Le strade trafficate e nervose di sabato mattina.
Vento e pioggia rendevano difficile guidare e sebbene fossi desiderosa di arrivare presto non avevo veramente voglia di giungere alla mia destinazione.

Le strade di paese, percorse a piedi, sabato pomeriggio.
Vagare senza meta in posti noti, ma lasciati da tempo, constatando come le strade siano più strette, le case più piccole, le distanze più ridotte di quanto ricordassi, mi ha fatto capire che non tornerei a vivere dove sono cresciuta, perchè il mio cuore se n'è andato da tempo.

Le strade, percorse qualche volta ma non realmente conosciute, di domenica pomeriggio.
Una meta dolorosa, affrontata col desiderio di non piangere; un sms che mi ha ferita e al quale non ho voluto rispondere, per non aggiungere rabbia al dolore; una bambina luminosa che strappa sorrisi e una donna rimpicciolita, stanca, quasi cieca, ma serena. Mia madre che piange, e io so consolarla solo con un abbraccio.

Le strade del ritorno a casa, tra pioggia e timido sole, oggi pomeriggio.
Un rientro che mi pesa più di quanto dovrebbe, e il desiderio di trovare altri profumi, altri colori, una volta varcata la soglia.

Annunci

5 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. paolazan
    Nov 07, 2011 @ 17:20:00

    di tutto il quadro mi rimane la luce della bimba e il lamento della madre, in mezzo tu a tenere insieme tutto… a comprendere tutto!

    Rispondi

  2. InvisibleKid
    Nov 07, 2011 @ 17:23:00

    del tutto condivisibile.

    Rispondi

  3. brumbru
    Nov 08, 2011 @ 08:04:00

    Non c'è molto altro che si possa fare, se non abbracciare… in questi casi. Le parole non servono.
    E per quello che vale e che serve, ti abbraccio virtualmente anche io.
    L'sms viene dopo. Ci penserai un'altra volta.

    Rispondi

  4. elipiccottero
    Nov 08, 2011 @ 08:52:00

    @paola: la bimba l'ho portata apposta per alleviare il dolore di mia madre (e mio) con la sua luce. Ed ha funzionato.
    @invisiblekid: grazie.
    @brum: lo so, ma mi piacerebbe poter fare altro. L'sms… passerà. Perdono facilmente, in fondo.

    Rispondi

  5. brumbru
    Nov 08, 2011 @ 16:45:00

    Uhm. Brava.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: