Il mio rapporto con Murphy

« La probabilità che una fetta di pane imburrata cada dalla parte del burro verso il basso su un tappeto nuovo è proporzionale al valore di quel tappeto. » (cito la formulazione presente su Wikipedia)

Ho la fastidiosa necessità di organizzare tutto in modo ordinato, e con un certo anticipo. La cosa è in realtà limitata a certi aspetti della mia vita: le pulizie settimanali devono essere assolutamente fatte entro la domenica, la spesa deve essere fatta venerdì o sabato (farla domenica mi mette in subbuglio, gli altri giorni non sono nemmeno contemplati), se devo partire devo saperlo con almeno tre o quattro giorni di anticipo, e tutta una serie di piccole cose (pagare bolli e bollette, prendere appuntamenti, e così via) deve essere fatta prima possibile, così da evitarmi strette e contorcimenti gastrici. Tralasciamo poi ulteriori minuzie, di quelle che si ripetono di giorno in giorno, le quali devono essere fatte sempre nello stesso modo e soprattutto in un certo ordine.

Maniacalità o organizzazione? Non saprei. Nel complesso, salvo i contorcimenti di stomaco di cui sopra, se anche sgarro non vado incontro a terribili conseguenze, e riesco ad adattarmi funzionalmente agli imprevisti – sebbene non li accetti.
Ad ogni modo, c’è un metodo sicuro per rovinarmi la giornata: un fatto o una notizia imprevisti, che mi costringano a cambiare programmi (e quante più azioni sono coinvolte in questa variazione, tanto peggio sto). L’apice della tragedia si raggiunge se l’imprevisto capita in un giorno in cui non ho la possibilità di porvi rimedio.

Oggi mia madre mi ha telefonato, dicendo che mio fratello era disponibile ad aiutarmi per traslocare in un determinato weekend – cosa che sarebbe andata benissimo, se io avessi già avuto risposta in merito al problema attualmente in primo piano. Non avendola ancora, questa notizia mi ha di fatto precipitata in un vortice di stress, perchè significherebbe dover fare entro venerdì qualcosa per cui pensavo di avere a disposizione almeno un’altra settimana. Risultato (sebbene poi abbia chiarito con mio fratello): mal di testa, digestione bloccata, malessere generalizzato, e freddo.

Meno male che avevo organizzato tutto in modo da potermi godere questa domenica, senza essere costretta a far nulla, e senza pensare a nulla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: